FAI UNA PAUSA

SCEGLI UN GIOCO

GUARDA UN VIDEO

Premi Invio per cominciare la tua ricerca

Sai dove si studia la Felicità?

Sai dove si studia la Felicità?

Sapevi che esiste un istituto scientifico dove si studia la Felicità? Ebbene sì. Esiste, e si trova a Rotterdam in Olanda.

Tutto è cominciato un pigro sabato pomeriggio facendo qualche ricerca approfondita sul tema della leggerezza e della felicità su Google Scholar, il motore di ricerca di Google che consente di individuare testi della cosiddetta letteratura accademica e di tutti i settori della ricerca scientifica. Uso Google Scholar quando voglio essere sicura di trovare ricerche ufficiali ed evitare di imbattermi in articoli scritti dal primo scienziato improvvisato.

Google Scholar | Priscilla Alessandrini

Il professore della Felicità

Uno degli studi che attirano immediatamente la mia attenzione è quello di R. Veenhoven che comincia interrogandosi sulla correlazione tra salute e felicità. Pare che dai suoi studi, questo scienziato pazzo della felicità, sia riuscito a provare empiricamente che la felicità allunga la vita delle popolazioni che stanno bene (fisicamente parlando). Totale fallimento per la stessa invece per le popolazioni che soffrono storicamente di gravi patologie. Insomma, la felicità allunga la vita, ma non cura le malattie.  Stando alle parole di Veenhoven:

L'effetto della felicità sulla longevità delle popolazioni sane è davvero importante. La portata di questo effetto può essere paragonata a quella della scelta di fumare o meno

Questo è solo uno dei numerosi studi del Dott. Veerhoeven che, oltre ad essere un attivo pioniere della scienza della felicità, è il fondatore e direttore del World Happiness Database (un immenso database dove sono raccolte tutte le ricerche svolte fino ad oggi sul tema della felicità).

Ruut Veerhonen | Priscilla Alessandrini

La giornata mondiale della felicità

Grazie alle sue numerose ricerche, le organizzazioni mondiali che si occupano del benessere delle popolazioni, hanno iniziato a considerare la felicità come un fattore chiave nel raggiungimento del benessere globale. E’ così che nel 2012 grazie alla proposta di un membro delle nazioni unite è nata la giornata internazionala della felicità che si festeggia oggi, 20 Marzo 2017:

« L’Assemblea generale […] consapevole che la ricerca della felicità è un scopo fondamentale dell’umanità, […] riconoscendo inoltre di un approccio più inclusivo, equo ed equilibrato alla crescita economica che promuova lo sviluppo sostenibile, l’eradicazione della povertà, la felicità e il benessere di tutte le persone, decide di proclamare il 20 marzo la Giornata Internazionale della Felicità, invita tutti gli stati membri, le organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite, e altri organismi internazionali e regionali, così come la società civile, incluse le organizzazioni non governative e i singoli individui, a celebrare la ricorrenza della Giornata Internazionale della Felicità in maniera appropriata, anche attraverso attività educative di crescita della consapevolezza pubblica […]

L’EHERO: l’istituto scientifico per lo studio della felicità

Ma gli studi del professore della felicità, non hanno portato soltanto alla proclamazione di una giornata internazionale, bensì hanno fatto nascere un vero e proprio istituto scientifico di studio della felicità: l’ EHERO (Erasmus Happiness Economics Research Organization), all’interno della Erasmus University di Rotterdam.

Guarda caso proprio in una delle città che ho visitato lo scorso anno e che mi hanno colpito per vitalità, energia e innovazione diffusa!


Questo istituto studia la felicità, definita come la soggettiva soddisfazione riguardo alla vita di un individuo nella sua totalità. La sua missione è di contribuire a una maggiore felicità per un maggior numero di persone. La EHERO persegue questo obiettivo fornendo un conoscenza della felicità basata su esperimenti e prove empiriche, con l’obiettivo di promuovere scelte più consapevoli nella società, partendo dalle scelte dei governi per arrivare a quelle dei singoli individui .

Gli studi del Professore della felicità e della EHERO sono molti e davvero interessanti. Uno di quelli che mi ha colpito di più è quello sull’ART OF LIVING ovvero l’arte di vivere intesa come il metodo da mettere in atto per condurre una vita soddisfacente ed in particolare l’abilità a sviluppare uno stile di vita soddisfacente.

Secondo il prof della felicità questa Arte presuppone 4 attitudini fondamentali che si possono allenare e sviluppare.

Se vi interessa saperne di più rimanete connessi..nel prossimo articolo scopriremo:

4 attitudini fondamentali che si possono allenare e sviluppare per aumentare la felicità

 

BIBLIOGRAFIA:

Veenhoven, R. J Happiness Stud (2008) 9: 449. doi:10.1007/s10902-006-9042-1

Veenhoven, R., World Database of Happiness, Erasmus University Rotterdam, The Netherlands

Assessed on (date) at: http://worlddatabaseofhappiness.eur.nl

2 Comments

  • Bablofil

    Rispondi 10 aprile 2017 12:51

    Thanks, great article.

Commenta il post

Show Buttons
Hide Buttons
Chiama
Email